Letture del mese #7 — Aprile 2015

May 1, 2015 • Letture del mese

Iscriviti alla mia newsletter per ricevere le prossime puntate direttamente nella casella e-mail.

Tutte le letture del mese.

I miei libri preferiti.


Fooled by Randomness: The Hidden Role of Chance in Life and in the Markets
Nassim Nicholas Taleb

9781400067930_p0_v1_s260x420

Journalism may be the greatest plague we face today.

Finally, I reckon that I am not immune to such an emotional defect. But I deal with it by having no access to information, except in rare circumstances

People who look too closely at randomness burn out.

Loyalty to ideas is not a good thing for traders, scientists—or anyone.

There may be great information in the fact that nothing happened.

People vote but the probability adjusted gains from voting can be less than the effort expended in going to the polling place.

È uno dei libri più interessanti che abbia letto negli ultimi tempi. Taleb parla come se avesse la verità in tasca, anche se ogni tanto butta qui e là qualche tocco di umiltà che fa un po’ ridere nel contesto, ma i ragionamenti filano. Se ti piacciono i libri su probabilità, caso, errori di percezione, eccetera, questo è da leggere. Nei prossimi mesi leggerò anche gli altri suoi.


We Learn Nothing
Tim Kreider

13259887

If there is some divine plan that requires my survival and the deaths of all those children in day care, I respectfully decline to participate.

I’m as cheered as anyone when some crusader for family values is caught in a cheap motel, a defender of traditional marriage arrested in a men’s room, or some censorious guardian of the children has his laptop confiscated.

Because the essence of creativity is fucking around; art is that which is done for the hell of it.

Un saggio, diciamo così, sulla vita. Argomento ambizioso, ma se affrontato con lo stile divertente di Tim Kreider non improponibile 🙂 Lui è un vignettista del New York Times e nel libro ci sono appunto anche tante vignette, tutte divertenti.


What We See When We Read
Peter Mendelsund

41rai8JVTQL._BO2,204,203,200_PIsitb-sticker-v3-big,TopRight,0,-55_SX278_SY278_PIkin4,BottomRight,1,22_AA300_SH20_OU01_

Mendelsund ha disegnato tantissime copertine di libri. È la persona giusta per scrivere un libro (con illustrazioni molto belle) su come funziona e cosa vede il cervello mentre leggiamo. Qui c’è una sua intervista dove ci sono anche un po’ di sue copertine.


Trust Me, I’m Lying: Confessions of a Media Manipulator
Ryan Holiday

250px-TrustMeImLyingCover

Blogs love press releases. It does every part of their job for them: The material is already written; the angle laid out; the subject newsworthy; and, since it comes from an official newswire, they can blame someone else if the story turns out to be wrong.

The most powerful predictor of what spreads online is anger. (…) Things must be negative but not too negative. Hopelessness, despair—these drive us to do nothing. Pity, empathy—those drive us to do something, like get up from our computers to act. But anger, fear, excitement, or laughter—these drive us to spread. They drive us to do something that makes us feel as if we are doing something, when in reality we are only contributing to what is probably a superficial and utterly meaningless conversation.

Ryan Holiday ha la miglior newsletter di libri che ci sia in giro (almeno, che io conosca), in Trust me I’m lying racconta delle sue esperienze da responsabile della comunicazione di marchi ad altissimo livello. Il libro svela molti segreti di pulcinella, e in certi punti è parecchio paraculo (tipo la prima citazione che ho messo), ma indubbiamente molte parti sono interessanti. La mia fiducia nel giornalismo più “invecchio” più cade a picco.


Matteo Pezzi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *