Cronache Mediorientali è un libro inquietantemente introspettivo, un libro cinicamente lucido: numeri, cifre, dati, tutti sbandierati con disarmante crudezza. E non solo: anche sensazioni, odori, sguardi e dolori, magistralmente riportati dalla penna di uno dei più grandi giornalisti di guerra di sempre, l’inglese Robert Fisk. Penna, sia detto per inciso, splendidamente a suo agio anche sulla distanza – non esattamente giornalistica – di 1100 pagine.

La copertina del libro, edito da “Il saggiatore”

[…]