bruxelles

Paris / Mars 2016

_DSF6065 […]

“Rassemblement silencieux”: Paris/Bruxelles

Più vado avanti più mi convinco che le manifestazioni non servano a nulla.
Anzi, servano a tirare fuori il peggio che c’è in noi.

Dopo gli attentati terroristici islamici a Bruxelles, il comune di Parigi ha proposto un “rassemblement silencieux” alle 19 davanti all’Hôtel de Ville.
Siccome ero appena rientrato dal lavoro ed ero un po’ scosso da tutto, ho preso la fotocamera e ci sono andato.

_DSF7413

Quando dico che le manifestazioni tirano fuori il peggio di noi, intendo ad esempio il fatto che io ci sia andato con la fotocamera: probabilmente senza non mi sarei mosso di casa. […]

Maastricht-Bruxelles

Dopo Parigi, ho continuato il mio viaggio a Bruxelles (con una giornata a Maastricht).

È già la terza volta che vado a Bruxelles in meno di due anni (qui e qui le foto delle altre due), probabilmente ci sono stato più volte degli europarlamentari ma a differenza loro ho dovuto pagare per andarci.

Comunque.

Stavolta ci sono andato solo per passare un po’ di tempo col mio amico Mario emigrato là, per cui non sono stato tanto in giro. Anche perché è saltato fuori un problema al tendine d’Achille molto fastidioso, condito da un’orticaria dovuta a un’intossicazione alimentare. Probabilmente arachidi, sigh, uno dei cibi migliori del mondo.

Tutta questa premessa non è altro che una banale scusa per dire: “Ho fatto poche foto”. Eccole.

Per chi ha meno di 26 anni il treno Bruxelles-Maastricht costa 14,80€ andata e ritorno. Lacrimuccia pensando a Trenitalia e si parte. Il treno cambia all’avveniristica stazione di Liegi.

15550858610_a8cc82b139_z […]

Bruxelles

12835087794_901f17689a […]

Bruxelles – Diario di viaggio/1

Sono in Belgio ormai da quattro giorni. Avevo in programma di tenere un piccolo diario di viaggio, ma come tutti i miei progetti è in gran parte naufragato: scrivo questo post col numero 1, anche se non sono certo ne seguiranno altri.
 
Appunti presi in volo
Il Boeing 737 serie 800 che mi porterà a Bruxelles Charleroi è stagliato contro il sole, incastonato in una tartaruga di nuvole. La punta dell’ala sembra uno scivolo, e sono pronto a filmare col telefonino tutto il decollo così lo posso far vedere ai miei che non hanno mai preso l’areo e sono rimasti delusi dall’aeroporto di Bologna che non permette,a gli accompagnatori, di assistere alle partenze.
Ryanair vuol dire qualità
Le Valli di Comacchio, il Po, le Alpi: passate veloci come un’ape sui fiori. La Svizzera è un tappeto candido, la Germania è grigia chiazzata di ghiaccio. Non vedo l’ora di arrivare! […]