Ieri ho ritirato le stampe del mio primo rullino, e sono contentissimo.

Antefatto 1

Da qualche mese mi stavo allenando a fotografare in manuale senza esposimetro, con le digitali: battezzo la scena; decido iso/tempi/diaframma; scatto — e solo dopo guardo il risultato. Detta così sembra difficile, ma all’inizio non esistevano gli esposimetri e una volta si faceva così.
Ok che oggi siamo dei rammolliti di Photoshop, ma ce la possiamo ancora fare (spero).
Poi rimane sempre il fatto che non è ingegneria nucleare.

Ciò detto, ho iniziato a prenderci la mano sempre di più ed ero molto contento. L’unica controindicazione è che ora non posso andare da nessuna parte senza calcolare l’esposizione corretta: entro in una stanza e la prima cosa che penso è “f/4; 1/125, iso 400”. Oddio.

Antefatto 2

Cercavo di vendere il mio Zuiko 135mm perché era nel mezzo tra 85mm e 200mm (nel mezzo soprattutto nella borsa) e non lo usavo mai. È un gran obiettivo e mi dispiaceva lasciarlo fermo, ma nessuno lo voleva comprare se non a prezzi ridicoli.

L’ho quindi “prestato a tempo indeterminato” al mio amico Marco Parollo, che mi ha ricompensato con una vecchia Fujica st605n, uno Zenit Helios 44-2 58mm f/2 e un rullino da 36 pose di TMax 400.

DSCF3751 - Copia

Si noti l’orgogliosa scritta “Made in USSR”

Il fatto

Per una strana combinazione i due antefatti sono capitati l’uno vicino all’altro, e quando ho preso in mano la Fujica la prima cosa che ho fatto è stata chiedere a Marco di togliere la pila dell’esposimetro per non cadere in tentazione.

Che sensazione di libertà! Tempi, diaframmi, e basta. Gli iso (asa) sono quelli della pellicola e quelli ti tieni, non hai menu con cui perdere tempo, non hai il pulsante play (che all’inizio cercavo come uno scemo), non hai niente se non una lente fissa e un mirino grande e luminoso.

La morale è che mi sono innamorato e soprattutto sono venute 36 foto su 36 esposte bene (o con margine di errore minimo). Tutto a occhio (c’è chi dice culo, può darsi): sono contento come un bambino.

È tutt’oggi che le guardo, le riguardo, e le riguardo ancora: è quasi una magia. Tenerle in mano e sapere che erano dei rullini e non dei rutti digitali è un’altra storia. Una bella storia.

Le uniche che non pubblico sono quelle di una mia amica che avendo dormito poco e male aveva i pestoni e non gradirebbe, più una che mi è arrivata danneggiata dal laboratorio.

A proposito della scansione…

Non ho uno scanner professionale. Anzi, ho uno scanner che fa schifo: qualità di scansione tendente all’infimo, e soprattutto un comodissimo piano inclinato che mi ha fatto mandare tremila cancheri per tenere le foto dritte durante la scansione, che di conseguenza fa pena. Le foto qui si vedranno male, ma dal vivo sono tutt’altra cosa. Al momento non riesco a giustificare l’acquisto di uno scanner serio, per il futuro si vedrà.

Le foto

Questa è la prima in assoluto.

16317938649_5e4ce713fa_z

 

*

16318302187_afbbb66967_z

*

16316460748_7da0bc618a_z

*

16318280827_daa70a836a_z

*

Questa è storta per colpa della scansione.

16502474341_5e57b82f28_z

*

16502469611_68946d2bb4_z

*

16317927149_5b828743d8_z

*

16318285607_2cce7b0965_z

*

Questa è una delle mie preferite.

16318282357_dba542f485_z

*

16504212865_7b762edae8_z

*

15881655444_d4bc95edc4_z

*

16502472761_c2462f22d2_z

*

16316744860_73a24d8b23_z

*

Questa è mossa perché scattata in un pub a 1/8 di secondo col cantante che si muoveva.

16317923999_82dc4d928e_z

*

16316729150_36025f81a7_z

*

A Fede sanguinava il naso, quella macchia bianca è un batuffolo.

16502466871_5b828743d8_z

*

Pulp fiction.

16316455978_dae1b77c75_z

*

16502472021_de787428c9_z

*

Dallo schermo non si apprezzano appieno la gamma dinamica e le mille sfumature di grigio presenti in questa foto.

16316727860_18e842b1fc_z

*

16317930169_43a82ed404_z

*

Storta per colpa della scansione.

16504194435_0a915c4b2d_z

*

Ponte vecchio, Firenze.

16318277757_e3173df357_z

*

Una coppia di asiatici che si sposano a Firenze, non potevo non farla. Deformazione professionale.

16316459018_d50a413212_z

*

D’ora in poi una piccola serie a Campiano.

16478213456_f1628e4ddf_z

*

16316475198_079f97521e_z

*

16316799590_63652f81d0_z (1)

*

Di nuovo, dallo schermo non si apprezzano tutti i dettagli presenti nelle ombre in basso, spettacolari.

16318345827_566617d9b5_z (1)

*

16316747040_f4e38d0aa9_z

*

16503195342_18dfb708d4_z

*

16316477778_44834cd2e9_z

*

Marco che pastrocchia con una vecchia Nikon F. Il colpevole di questo post.

16316751750_fa62e5816d_z

*

16317987059_5c8da4ecb7_z

*

Non vedo l’ora di andare a Parigi, parto lunedì, e fare tante foto a pellicola (anzi, il giusto).

Matteo

Iscriviti alla mia newsletter